VIDpng Video

 

Intervista ad Omnibus - La7 del 6 maggio 2018 fatta al Professor Andrea Rapisarda, autore insieme ai Professori Maurizio Caserta, Cesare Garofalo, Alessandro Pluchino e Salvatore Spagano dell'articolo scientifico “Politici per caso: in che modo dei deputati scelti a caso possono migliorare l’efficienza di un Parlamento” e del libro “Democrazia a Sorte. Ovvero la sorte della democrazia” . In studio, a commentare la proposta di introdurre nel nostro ordinamento il sorteggio come pratica di selezione di una parte dei parlamentari, intervengono anche Marco Antonellis, Massimiliano Lenzi, il Professor Salvatore Vassallo e Giorgio La Malfa

 

Servizio andato in onda su "Telecamere" - Rai3 il 22 gennaio 2012. I professori Andrea Rapisarda, Cesare Garofalo e Alessandro Pluchino presentano e spiegano il loro modello scientifico, che prova come l'efficienza del Parlamento migliorerebbe con l'inserimento al suo interno di un "numero aureo" di membri scelti in modo casuale tramite sorteggio.

 

"Democrazia a Sorte. Quali scenari possibili?" Convegno organizzato dall'onorevole Gianluca Vacca del Movimento 5 Stelle con i professori Maurizio Caserta, Cesare Garofalo, Alessandro Pluchino, Andrea Rapisarda e Salvatore Spagano; Montecitorio, Roma (21/07/2016)

 

In questo video, il fondatore della britannica Sortition Foundazion Brett Hennig presenta in modo informato, convincente e coerente una proposta per “rifondare” i nostri sistemi democratici affiancando (e poi, sostituendo) i politici eletti con gente comune estratta a sorte. Proprio come accadeva nella culla della democrazia; Atene…

 

Nell'ambito del ciclo di incontri "Di chi è la politica? Democrazia e partecipazione per cambiare la società" Con Yves Sintomer (Università di Parigi), Nadia Urbinati (Columbia University di New York), Luigi Bobbio (Università di Torino) e il deputato Giulio Marcon.

 

Il video rappresenta in pochi minuti i contenuti salienti del libro “Contro le elezioni – Perché votare non è più democratico” del giornalista belga David Van Reybrouck. La tesi di fondo è che le elezioni non siano mai state concepite come uno strumento per rendere possibile la democrazia. Al contrario, esse sono sempre state interpretate come una pratica aristocratica se non oligarchica tesa ad escludere una larga parte dei cittadini dalla vita politica. Come si può dunque democratizzare la democrazia? Lottery o, più correttamente, Sortition è la risposta…

 

In questo breve estratto di una presentazione intitolata “Perché le elezioni fanno male alla democrazia” (qui il link) tenutasi presso lo Hannah Arendt Center for Politics and Humanities, lo scrittore belga David Van Reybrouck spiega come mai le elezioni potrebbero danneggiare definitivamente la democrazia e in che modo l’antica pratica del sorteggio potrebbe invece offrirle una possibilità di “rinascita”.